Laboratorio di Narrazione e Teatro Civile

Esistono alcune storie che possono essere raccontate solo in teatro. I motivi sono molteplici.
Alcune storie richiedono necessariamente, per essere raccontate, la presenza fisica di un narratore e
di almeno uno spettatore, per potersi riconoscere all’interno di una comunità, per potersi proteggere,
curare e a volte guarire dalle ferite del nostro tempo.
Alcune storie sono così proibite che non trovano spazio in altri canali più grandi, come il cinema
o la televisione e, se lo trovano, hanno molta meno libertà di parola di quella che può avere un
singolo attore. Alcune storie semplicemente ci vengono a cercare, come se potessimo solo noi
raccontarle e preservarle. La narrazione è uno dei tanti modi con cui possiamo fare teatro, ma è
quello che più si addice al cosiddetto “teatro civile” perché più d’ogni altro metodo o stile permette
di raccontare fatti complessi o crudeli in modo lineare e semplice, fuggendo dal ridicolo che si può
celare dietro una messa in scena naturalistica e consentendo al narratore di districare quei fili labili,
pieni zeppi di nomi e persone coinvolte, che quasi sempre si intersecano ai fatti della nostra
contemporaneità.
Narrare i fatti è anche un modo per avere rispetto delle persone che in quella storia sono state
direttamente coinvolte. Persone che spesso sono ancora vive, che abbiamo intervistato, che
verranno a vedere come raccontiamo la loro storia o che potremmo incontrare durante le nostre
repliche.
Come dare vita a molteplici personaggi, e luoghi, stando semplicemente seduti su una sedia?
Come narrare utilizzando oggetti o burattini?
Come tutelarsi a livello legale?
Come poter raccontare anche quello che non possiamo dire?
Come intervistare qualcuno e accompagnarlo con le nostre domande alla riscoperta di fatti,
spesso dolorosi, della sua memoria?
Come spingere i nostri spettatori, finito lo spettacolo, ad una azione di coerenza senza limitarsi a
una sterile indignazione? Come farlo ridendo? Occorrente per il laboratorio
Portate con voi una storia da raccontare. Se possibile accompagnata da documenti,
testimonianze, libri,interviste.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: