Nessun Ritorni, Infinite Rinascite – Comunicato Stampa 14/09/21

Dopo mesi di progettualità e tentativi di dialogo con il Comune di Santa Teresa Gallura, l’associazione locale officineperegrine teatro, promotrice e direzione artistica del festival TEATRI PEREGRINI, è giunta alla conclusione che non ci sono le condizioni per mandare in scena la VII edizione del primo festival gallurese multiculturale e multiartistico sul teatro come arte e come scienza.

officineperegrine teatro vuole comunque ringraziare tutte le realtà del territorio che negli anni hanno sostenuto il progetto, dalle strutture ricettive sponsors, alle realtà culturali e ambientali galluresi e nazionali che ci hanno arricchito con mostre, laboratori, dibattiti e che ci hanno sostenuto nelle nostre giornate ecologiche, e vogliamo ringraziare le tante realtà teatrali, sarde, nazionali ed internazionali che sono state nostre ospiti e che ci hanno arricchito con spettacoli e laboratori, dal teatro di strada al teatro sociale, dal teatro sordo alla danza verticale, dal teatro dell’oppresso al cinema di ricerca, grazie a tutte le singole persone, spettatori e spettatrici che hanno risposto al nostro appello lanciato a Giugno: grazie per il sostegno dato in questi mesi, e per le belle parole che avete scritto per noi, e che avete avuto il coraggio di mandare al Sindaco di Santa Teresa Gallura Nadia Matta. Grazie ad alcune fans che hanno aperto anche una petizione online.

Purtroppo le vostre parole, così come la VII edizione di Teatri Peregrini, non hanno ricevuto nessun tipo di ascolto e tanto meno risposta dai nuovi amministratori locali: né un sì, né un no, sono giunti ad un evento culturale già affermato e che nel tempo ha creato mille ponti e mille pratiche creative e pedagogiche.

Ci è invece arrivata una lettera a Giugno, dopo una nostra richiesta progettuale già vecchia di 4 mesi, il cui contenuto era “Vi faremo sapere”.

Il festival doveva andare in scena a Giugno, poi a Settembre, considerato appunto che da Marzo a Giugno il Comune non ha espresso una posizione chiara: durante l’Estate non si è smosso nulla e siamo arrivate a Settembre dove solo il silenzio ci è arrivato come risposta comprensibile.

Questa posizione dell’Istituzione ci ha lasciato con un certo sbigottimento e non possiamo nascondere che l’atteggiamento dell’Amministrazione Comunale di Santa Teresa Gallura a noi riservato, di ostruzionismo silente, all’unica gruppo/scuola teatrale del paese è ai nostri occhi inspiegabile, tanto più se si pensa che a guidare l’Amministrazione Comunale vi è un’insegnante che ha ben presente quanto le linee Ministeriali, ormai da anni, mettono tra i punti essenziali dell’educazione e della formazione a scuola (e non solo a scuola) Teatro, Cinema, e Arte tutta: proprio le protagoniste del nostro festival.

Con l’amaro in bocca per questo anno di stop, e di abbandono, ci organizzaremo per calibrare le forze, in un periodo storico, dove il teatro e l’arte hanno bisogno di un’attenzione doppia da parte dell’Ente Pubblico, con la triste consapevolezza, che nel nostro territorio, possiamo contare, invece, più sulle forze e sulle intelligenze dei singoli cittadini e delle attività private attente all’arte e alla cultura.

Teatri Peregrini “RITORNI” non è andato in scena del 2021, ma tornerà presto con più forza e con tutto l’amore e il sostegno che ci sono arrivati in questi mesi di assenza istituzionale e con una nuova linea: perché quando i “Ritorni” sono “negati” , le “Infinite Rinascite” sono indispensabili e vitali.

Riportiamo qualche frase presa dalle tante lettere di solidarietà giunte a noi e all’Amministrazione Comunale di Santa Teresa Gallura:

“Mi associo alle numerose persone che sostengono questo festival, che per la qualità della sua proposta, coraggiosa e radicata nel territorio, capace di costruire relazioni e creare innovazione sociale, è un patrimonio da salvaguardare al pari del paesaggio naturale. È un vero e proprio bene culturale che si è costruito negli anni, con pazienza, tenacia e profondità di sguardo, che oggi, proprio in questo tempo di rinascita dalla pandemia e di crisi economica, bisognerebbe garantire come il pane e l’acqua.”

È impossibile pensare ad un mondo senza artisti e senza arte. È impossibile non pensare all’importanza di un festival, che fa vivere le strade, le piazze, e riempie gli occhi del pubblico di meraviglia.”

Noi abbiamo lavorato in varie città in Italia ma raramente abbiamo visto realizzarsi tale collaborazione e integrazione tra le varie componenti del territorio. Il bello del festival è, inoltre, che non è solo per addetti ai lavori ma si offre a tutti e tutte consentendogli di accedere a varie forme di arte e partecipare alle performance stesse.”

“Non sono mai stato un appassionato di teatro e forse mai lo sarò. Sono però affascinato da tutto ciò che si riprende le strade e gli spazi pubblici, dando loro nuova linfa vitale, nuovi stimoli, nuovi orizzonti. Teatri Peregrini fa questo, e non posso che esserne felice.”

Perché di arte indipendente ce n’è già troppa poca, e quella poca è fatta di tanto volontariato e impegno, valori fondamentali per una cittadinanza attiva”

Sappiamo quanto la cultura rende un territorio attraente, vivace, sano. Sappiamo quanto fa risparmiare le amministrazioni lungimiranti l’uso dell’arte per affrontare i problemi complessi del territorio.

Officine Peregrine è un’associazione preziosa per il nostro territorio, che negli anni ha permesso alla nostra comunità di usufruire di spettacoli, laboratori formativi e occasioni di confronto artistico di alta qualità. É raro avere sul territorio Gallurese e, in generale sardo, dei professionisti che abbiano il coraggio di restare qui, piuttosto che cedere alla facile tentazione di portare la loro esperienza fuori dall’isola, dove il contesto socio-culturale ed economico permette un più rapido e facile riscontro. Perciò, mi chiedo, come mai un’amministrazione come la vostra, che ha la fortuna di avere una rete di artisti professionisti, che amano il loro lavoro e dimostrano la volontà proporre degli eventi di qualità e che, non solo apportano dei notevoli vantaggi sul territorio a livello culturale, umano e sociale, ma rappresentano anche un attrattore turistico importante, non dia nessuna risposta?”

LA DIREZIONE ARTISTICA VITTORIA NICOLI

LA COMUNITA’ ARTISTICA DI OFFICINEPEREGRINE TEATRO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: